LYB_01 Bard / L'etoile du Berger (Lillianes)

+GIORNI

Vallata

Valle Centrale Prima Aosta

Partenza

Bard

Quota partenza

355

Quota arrivo

1.394

Bard è raggiungibile in treno e in autobus da Milano e Torino, oppure in auto uscendo al casello autostradale di Pont-Saint-Martin.
A Bard conviene lasciare l'auto nel grande parcheggio qualche centinaia di metri oltre il borgo.

Questa è la tappa della storia, dal Forte di Bard alla strada romana di Donnas, sino a raggiungere il santuario di Notre-Dame-De-La-Garde ed il bel borgo di Perloz con i suoi due castelli.
L'attraversamento del ponte di Moretta costruito tra due pareti sopra al torrente Lys non si dimentica.
Si risalgono poi i ripidi versanti della montagna in cui l'uomo per poter coltivare quel poco necessario alla propria sopravvivenza ha dovuto costruire tantissimi terrazzamenti.

DATI CARATTERISTICI
Località di partenza: Bard
Località di arrivo: L'étoile du Berger (Lillianes)
Difficoltà: Media
Periodo migliore: da aprile a ottobre
Quota di partenza: 350 m
Quota di arrivo: 1.394 m
Dislivello in salita: 1.600 m
Dislivello in discesa: 550 m
Lunghezza totale: 15.100 m
Tempo: 6h 45 '
Segnavia: AV1, TDG
Livello di esposizione: 1

DESCRIZIONE DELL'ITINERARIO
Da Bard, dopo aver visitato il forte ed il bellissimo borgo, si segue la Via Francigena sino a Donnas. Il tratto che percorre la strada romana scavata nella roccia ed il famoso arco è indimenticabile.
Dopo l'arco romano si attraversa tutto il borgo di Donnas per poi seguire la strada principale.
Appena dopo la chiesa si imbocca a sinistra la strada che attraversando tra le case conduce a Rovarey.
La strada si trasforma in ripida mulattiera che risale tra i vigneti terrazzati sino a raggiungere le case di Bondon.
Sempre su ripida mulattiera si arriva sulla strada rurale, la si segue verso destra e si raggiungono le case di Place.
Il percorso adesso attraversa il pendio boscoso sino a raggiungere il Santuario di Notre-Dame-De-La-Garde.
Dopo aver visitato il santuario si ritorna nei pressi del campanile dove si risale ripidi per raggiungere nuovamente una strada, qualche decina di metri verso destra e poi si imbocca a sinistra il ripido sentiero che entra nel bosco.
Appena prima di arrivare a Chanavisa, al centro del sentiero si vedono delle lastre di pietra scavate in cui scorreva un filo d'acqua.
Da Chanavisa, si attraversa verso destra un tratto scavato nella roccia (esposto ma ben protetto) per poi scendere molto rapidamente (fare attenzione in caso di terreno bagnato) sino al capoluogo di Perloz.
Si attraversa il bel borgo medioevale passando nei pressi del Castello Charles, del locale in cui è posizionato un vecchio torchio, del castello Vallaise sino a raggiungere la bella chiesa.
Si attraversa la strada e passando nei pressi della chiesa e del cimitero si scende ripidi dentro allo stretto vallone, si attraversa una parete rocciosa per poi scendere con ripidi tornanti sino allo spettacolare Pont Moretta.
Attraversato il ponte, non dopo essersi fermati al centro a guardare il torrente Lys che scorre in basso, si risale con ripidi tornanti sino alla chiesa di Tour d'Hereraz
Passati nei pressi della chiesa si prosegue lungo una stradina interna sino a raggiungere la strada regionale che conduce a Gressoney-Saint-Jean.
Si costeggia la carreggiata per un centinaio di metri per poi attraversare la strada ed imboccare quella che conduce a Remondin.
Seguire la strada sino alla cappella dove, sulla destra, si imbocca la mulattiera, per raggiungere nuovamente la strada asfaltata che si segue a sinistra, si supera un tornante ed appena dopo si imbocca sulla sinistra una pista sterrata che, dopo essersi trasformata in sentiero, conduce alla frazione del Suc.
Il sentiero supera alcune panoramiche passerelle, attraversa il torrente, e scende leggermente per poi risalire e raggiungere la strada asfaltata che conduce alla Sassaz.
La si segue a destra per pochi metri per poi imboccare la ripida mulattiera che risale il costone sino alla Cappella di Santa Margherita.
Passati davanti alla chiesetta si prosegue con minor pendenza tra ripidi terrazzamenti e case sparse sino ad uscire dal bosco.
Lasciato il tracciato dell'alta via numero 1 si svolta a sinistra per raggiungere la località Sassaz dove è situato l'affittacamere e ristorante l'étoile du Berger.




Notizie dagli utenti


Latitudine: 45.616530301092
longitudine: 7.8118242882265