LYB_03 Ou Crierel (Lillianes) / Bard

+GIORNI

Vallata

Valle Centrale Prima Aosta

Partenza

Ostello Ou Crierel (Lillianes)

Quota partenza

650

Quota arrivo

355

Dal casello autostradale di Pont-Saint-Martin svoltare a destra in direzione di Torino.
Alla seconda rotonda svoltare a sinistra per la valle del Lys.
Dopo alcune centinaia di metri a destra si imbocca la strada della Valle del Lys che si segue sino a raggiungere il capoluogo di Lillianes.
Dopo la strettoia del paese, allo slargo del municipio, svoltare a sinistra, superare il ponte e raggiungere l'ostello.

Di questa tappa sicuramente rimarrà indimenticabile la visita al villaggio e al museo all'aperto di Chemp.
Una decina di anni fa uno scultore del luogo, Pino Bettoni, innamorato di questo stupendo villaggio, ha deciso di creare un museo all'aperto.
Le opere, in legno o bronzo, sparse nel villaggio in più punti lo rendono magico e indimenticabile.

DATI CARATTERISTICI
Località di partenza: Ostello Ou Crierel (Lillianes)
Località di arrivo: Bard
Difficoltà: facile
Periodo migliore: da aprile a ottobre
Quota di partenza: 645 m
Quota di arrivo: 350 m
Dislivello in salita: 350 m
Dislivello in discesa: 1.035 m
Lunghezza totale: 15.100 m
Tempo: 4 h 20 '
Segnavia: AV1, TDG
Livello di esposizione: 0


DESCRIZIONE DELL'ITINERARIO
Dall'ostello si passa nei pressi del cimitero per poi svoltare a sinistra lungo la strada asfaltata.
Seguirla sino a un bivio dove si segue la strada più bassa sin quando sulla sinistra si imbocca il sentiero che prosegue lungo il Lys.
Si passa nei pressi di una cascata e si continua nel bosco costeggiando alcune case.
Il percorso adesso è alto sul torrente, prima di raggiungere le case di Nantey, imboccare sulla destra il ripido sentiero che conduce a Chemp.
Lo si segue lungo la bella mulattiera, si costeggia una parete rocciosa sino a raggiungere il villaggio di Chemp nei pressi della chiesetta.
A destra contro il cielo è visibile una delle prime opere.
Visitare il villaggio ed il museo con molta calma per gustarsi al meglio la magia del luogo.
Da metà villaggio si raggiunge il parcheggio delle auto, si segue la strada in salita, con alcuni tagli, per poi attraversare decisamente verso sinistra sino a raggiungere il ponte.
Appena dopo il ponte si sale sulla destra per vedere il mulino di Glaciere.
Ritornati sulla strada la si segue per un tratto per poi imboccare sulla destra il sentiero che prima risale leggermente per poi scendere, attraversando alcune volte la strada asfaltata, sino all'abitato di Marine.
Attraversato l'abitato si prosegue sino a raggiungere nuovamente, nei pressi della frazione Chamioux, la strada asfaltata che conduce al capoluogo di Perloz.
In questo tratto bisogna seguire, facendo attenzione alle poche auto che transitano, la stretta strada asfaltata sin quasi al capoluogo.
Dopo aver attraversato il piccolo torrente si imbocca a destra la stradina che conduce al borgo.
Attraversare completamente il borgo, al termine, dopo il castello Charles, non salire a destra da dove si è arrivati il primo giorno ma continuare lungo la strada asfaltata sino al santuario di Notre-Dame-De-La-Garde, risalire al santuario e percorrere in senso contrario il tracciato del primo giorno.