MRR_05 Antagnod (Ayas) / Champoluc (Ayas)

Gite - +giorni
Ubicazione
  • Vallata: Val D'Ayas
  • Comune: Ayas
  • Partenza: Brusson
  • Coordinate: lat 45,8079 - lon 7,6701
Lungo il Ru Courtaud
Lungo il Ru Courtaud
Lungo il Ru Courtaud
Lungo il Ru Courtaud
Sullo sfondo il Monte Rosa
Di fronte il Crest e Mascognaz
Il sentiero che conduce al Col Vascoccia
Serenità rurale
Monte Rosa
Il Ru Courtaud
Il Ru Courtaud
Il Ru Courtaud
Le trasparenti acque
Il tracciato che conduce al Pian de Cérè
Cervino
Il tracciato nella testata della val d'Ayas
Galleria lungo il Ru Courtaud
Monte Rosa
Cervino e Gobba di Rollin
Ghiacciaio del Lys
Spettacolo sul Monte Rosa
Il vallone di Nana
Cartelli lungo il Ru Courtaud
Nell'ampio vallone di Nana
Ampi pascoli nel vallone di Nana
Il ghiacciaio della Gobba di Rollin
Le Cime Bianche dell'omoninmo vallone
Pian de Cérè
Arrivo al Pian de Cérè
Pian de Cérè
Pian de Cérè
Il belvedere
Si attraversa verso il Pian di Verraz
Arrivo al Pian di Verraz
Pian di Verraz
Discesa verso Saint-Jacques
Le azzure acque dell'Evançon
Inizia il percorso verso Champoluc
Scultura in legno
Scultura in legno
Dati tecnici
  • Tipo gita: +giorni
  • Difficoltà:
  • Impegno fisico:
  • Escursione adatta al cane:
  • Percorribilità per neve:
  • Livello esposizione cadute:

  • Lunghezza: 24.200m
  • Quota partenza: 1.955m
  • Quota arrivo: 1.561m
  • Durata: 03h 30m 03h 10m
  • Dislivello positivo: 550m
  • Dislivello negativo: 950m
Meteo regionale
Dal casello autostradale di Verrès, attraversare la rotonda ed entrare nel paese, dopo qualche centinaio di metri svoltare a sinistra per la Val d'Ayas.
Si superano i Comuni di Challand-Saint-Victor, Challand-Saint-Anselme e Brusson.
Da Brusson si prosegue superando Extrepieraz, due tornanti e poi la strada diventa pianeggiante, a sinistra il bivio per Antagnod.
Si prosegue sino a raggiungere l'abitato di Antagnod e Barmasc.
Oggi è il giorno del Monte Rosa che si avvicinerà sempre di più, da alcuni punti del Ru Courtod la vista sarà magnifica, dal Pian di Verraz saremo ai suoi piedi.
Il Ru Courtod nasce dal vallone delle Cime Bianche, un ambiente di grande pregio naturalistico in cui si possono ammirare (una delle poche zone della Valle d'Aosta) cime calcaree.
Pian-de-Céré e Pian-de-Verraz sono indimenticabili.
Nell'ultimo bosco prima di raggiungere Champoluc possiamo ammirare una trentina di opere in legno di diversi artisti valdostani.
Da non perdere un pomeriggio al Centro Benessere, ne vale la pena.
La tappa è particolarmente lunga (anche se è possibile in diversi punti scendere a valle) ed è consigliabile partire presto al mattino.
Per le gallerie utile avere a portata di mano una pila.
DATI CARATTERISTICI
- Località di partenza: Piano delle Signore o Dame Barmasc (Ayas)
- Difficoltà: Facile
- Periodo migliore: luglio, agosto, settembre
- Quota di partenza: 1955 m
- Quota di arrivo: 1561 m
- Dislivello in salita: 550 m
- Dislivello in discesa: 950 m
- Lunghezza totale: 24200 m
- Tempo di salita: 3h 10 '
- Tempo di discesa: 3h 30 '
- Segnavia: 5, 8EGSW, TMR, 8
- Livello di esposizione 0
- Percorribile con cane SI


DESCRIZIONE PERCORSO
Ritornati sul percorso principale lasciato il giorno precedente si prosegue lungo il ru Courtod.
Il percorso segue il tracciato pianeggiate del ruscello in parte nel bosco e in parte attraversando ampie radure sino a raggiungere il termine della conca di Antagnod.
Si rientra nel bosco e, con percorso sempre pianeggiante si raggiunge una galleria che si attraversa per sbucare in un punto, attrezzato, in cui la vista sul Monte Rosa lascia senza fiato.
Si prosegue sino a raggiungere gli alpeggi di Nannaz.
ATTENZIONE - momentaneamente la galleria non è percorribile.
In questo caso dal belvedere ritornare per lo stesso percorso per qualche centinaia di metri per poi imboccare sulla sinistra un piccolo sentiero che scende nel bosco.
Raggiunto il sentiero basso lo si segue con tracciato pianeggiante sino a raggiungere una strada rurale.
La si segue in salita sino a raggiungere nuovamente il percorso originale.
Si attraversa il vallone che sale al rifugio Tournalin e al Col di Nannaz e si prosegue sempre lungo il ru Courtod sino a raggiungere il fondo del vallone delle Cime Bianche.
Si imbocca adesso a destra il sentiero che scende velocemente all'alpage du Cortot da cui si scende ad attraversare il torrente per poi salire all'alpe Djomein.
Si prosegue dietro alla baita per raggiungere il sentiero proveniente dal fondovalle, lo si segue verso sinistra, si passa nei pressi dei resti dell'alpe Ventene e si raggiungono gli ampi pianori superiori dominati a destra dai ghiacciai del Monte Rosa e in fondo dalle calcaree Cime Bianche.
Si imbocca a destra il sentiero che, dopo un tratto pianeggiante, scende al Pian-de-Cérè.
Attraversato il torrente lo si costeggia percorrendo tutto il bellissimo pianoro.
Al termine il sentiero scende più ripido a sinistra sino ad un roccione dove una pausa è dovuta per godere del panorama sul fondovalle.
Si continua a attraversare verso sinistra per poi scendere leggermente e incrociare il sentiero che sale dal fondovalle. Proseguire a sinistra e raggiungere il bellissimo Pian-de-Verraz.
Raggiunte le baite al centro del piano è possibile, con una salita di mezz'ora raggiungere il bellissimo lac Bleu.
Ritornati indietro all'inizio del piano svoltare a sinistra, attraversare il torrente e seguire la strada sterrata che scende.
Raggiunta una radura svoltare a destra, attraversare il torrente e raggiungere Fiery.
Superati i fabbricati si trova, a sinistra, il bel sentiero che scende a Saint-Jacques.
Seguirlo nel bosco di larici, attraversare il torrente e lungo la stradina asfaltata raggiungere il ponticello appena prima della piazza di Saint-Jacques.
Attraversare il ponticello e raggiungere in leggera salita lungo la strada asfaltata le case di Rovinal.
Passare tra le case e al termine scendere a sinistra lungo il largo sentiero sino ad attraversare il ponte sul torrente Evançon e raggiungere nuovamente la strada asfaltata.
Proseguire sul bordo della strada asfaltata lungo il torrente sino a raggiungere l'inizio del sentiero nel bosco, seguirlo sino a raggiungere il Centro benessere di Champoluc, nell'ultima parte il percorso è allietato da una trentina di caratteristiche sculture in legno.
Attraversare il ponte e proseguire lungo la stradina che costeggia il torrente, raggiunta la strada automobilistica svoltare a sinistra e raggiungere la piazzetta della chiesa.


Altre gite, escursioni, itinerari e trekking