Chiesa di issime Vedi in mappa

Comune

Issime

Categoria

patrimonio

Coordinate

Latitudine: 45.684927 Longitudine: 7.854871

Chiesa di issime dedicata a San Giacomo
La prima attestazione storica dell’esistenza della parrocchia di Issime è contenuta in una bolla di papa Lucio III del 7 maggio 1184.
L’edificio attuale è la ricostruzione di una chiesa preesistente, citata già dal XIV sec. Nel corso dei restauri del 1984 è stato lasciato in evidenza nella navata sinistra un arco ogivale che costituiva la base del campanile; proviene dalla chiesa primitiva anche la vasca battesimale romanica, che per secoli ha rappresentato il luogo della rinascita cristiana per tutti gli abitanti dell’alta valle del Lys. La completa ricostruzione dell’edificio iniziò l’8 giugno 1683, come testimonia il contratto con cui il curato Jean Pierre Biolley e i parrocchiani di Issime affidarono l’appalto al maestro locale Giovanni Christille e ai valsesiani Giovanni ed Enrico Ferro.
La facciata
Affrescata tra il 1698 e il 1700 da Francesco Biondi da Ginevra, ritrae scene del Giudizio Universale (in alto il Paradiso, in basso a sinistra il Purgatorio e a destra l’Inferno, la parte più suggestiva e movimentata). Le tre porte sono arricchite da incorniciature in pietra lavorata, mentre sopra il portone centrale in legno intagliato del XVII secolo, una nicchia ospita la statua di San Giacomo, patrono del paese insieme a San Sebastiano.
Il sagrato
Quindici nicchie edificate nel 1755 e affrescate dal pittore Antonio Facio di Valprato rappresentano i misteri del Rosario.